SPECIALE VACCINAZIONI

                                                      

Funzione Strumentale P.O.F.

•      Prof.ssa Sportelli Nicoletta M.

 

Commissione P.O.F.

•      Doc. Osmari Stefania Sede distaccata di Nemi

•      Doc. Pontecorvi Mara Scuola dell’Infanzia

•      Doc. Pantano Margherita Scuola Primaria Tempo Pieno

•      Doc. Di Clemente Anna Rita Scuola Primaria

•      Doc. Leoni Michela Scuola Primaria

•      Prof.ssa Riggi Carla Scuola Secondaria di I grado

 

Ogni istituzione scolastica predispone

il Piano dell'Offerta Formativa

 

documento fondamentale costitutivo dell'identità

culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche

 

che esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia.

 

(Legge regolamento sull’Autonomia scolastica

del 15 marzo 1999, n.59capo II art. 3)

 

Il P.O.F., coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi e indirizzi di studi determinati a livello nazionale a norma dell'art. 8 del DPR n° 275/99,

è elaborato dal Collegio dei Docenti,

sulla base delle scelte di indirizzo educativo definito dal Dirigente scolastico.

 

 (Atto di indirizzo di Istituto

Prot. n° 5095 del 13 ottobre 2016)

 

Esso riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, tenendo conto della programmazione territoriale dell'offerta formativa ... attivando i necessari rapporti con gli enti locali e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti sul territorio.

 

(DDL 107 del 13 luglio 2015

Art.1, comma 12)

 

Il  P.O.F., per rispondere alle esigenze di un Istituto Comprensivo che accoglie i bambini, le bambine, i ragazzi e le ragazze dai 3 ai 14 anni, favorisce lo star bene a scuolae promuove la valorizzazione dell’individualità personale:

•     assicurando il diritto allo studio, certi che

“Ogni bambino ha il diritto fondamentale all’istruzione e a ciascuno deve essere data la possibilità di raggiungere e mantenere livelli accettabili di apprendimento”

(Dichiarazione di Salamanca – Unesco, 1994)

•     abbattendo gli ostacoli di qualsivoglia natura che “impediscono il pieno sviluppo della persona umana”(DDL. 107/15 comma 1), con particolare attenzione alla Legge n.170 dell’ 8 ottobre 2010, riguardante i Disturbi Specifici di Apprendimento e la successiva Direttiva MIUR del 27 dicembre 2012, sugli Alunni con Bisogni Educativi Speciali;

•     favorendo percorsi di sensibilizzazione alla convivenza democratica;

•     accompagnando con continuità la loro crescita centrata sull’acquisizione delle competenze di base e trasversali per “imparare ad imparare per tutto il corso della vita”.

(Delors, J. Libro Bianco della Commissione Europea, ''Crescita

 competitività, occupazione: le nuove sfide e le vie da percorrere

per entrare nel XXI secolo'', Bruxelles, 1993);

•      promuovendo e guidando il processo educativo con l’intento di “… innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, contrastare le diseguaglianze socio-culturali e territoriali, … prevenire e recuperare l’abbandono e la dispersione scolastica

 (DDL. 107/15

 Dir. n. 11 del 18 settembre 2014 ).

 

Attività e Progetti

Nel corso dell’anno scolastico l’area POF svolge diversi interventi:

•     presentazione delle attività e dei progetti di Istituto

•     rendicontazione degli impegni progettuali svolti dall’Istituto

•     aggiornamento del Piano Triennale dell’Offerta Formativa, del Rapporto di Autovalutazione e del  Piano di Miglioramento

•     coordinamento delle attività di formazione e aggiornamento

•     intervento negli incontri di Continuità/Orientamento con i Genitori

•     produzione di progetti dell’area: Progetto “SapereSALUTE”; Progetto LEGALITA’; progetto sulla dispersione scolastica “Progettare il futuro”

•     condivisione delle progettualità con le altre aree di funzione.

 

Lanuvio, Novembre 2016

 

Funzione strumentale P.O.F.

Prof.ssa Sportelli Nicoletta M.

 

 
Go to top